Sei in: la grande invocazione


CENTOQUATTRO

 

 

 

 

 

INVOCAZIONE

Introduzione

PARTE CENTOQUATTRESIMA

 

Il vero significato occulto della forza nella natura, delle correnti elettriche dell’universo e del calore latente accumulato in ogni forma è ancora poco compreso dagli scienziati exoterici o dai principianti in occultismo. *** si è accostato allo studio dell’occultismo da questo punto di vista e ha quindi acquisito una profonda conoscenza della legge.

 

Questo argomento è alla base di ogni istruzione occulta. Se saprete afferrare qualcosa del suo significato e comprendere che la legge è soltanto l’adattarsi della forma all’una o all’altra di queste grandi correnti di forza, illuminerete tutta la vostra vita e su quelle correnti di forza, quelle correnti magnetiche, quel fluido vitale, quei raggi elettrici (non importa il termine usato) sarete portati dritto al cuore dell’ignoto.

 

La stessa idea di forza e di correnti magnetiche del sistema solare regge e governa tutto ciò che è stato impartito sulla meditazione, in tutte le sue varianti – specifica, individuale e collettiva, basata sulla forma o priva di forma; è il mezzo con cui operano i mantram, da quelli che riguardano le vite elementali fino alle grandi Parole cantate ritmicamente che chiamano il Signore di un Raggio, il Deva di un piano o lo stesso Signore di un Sistema Solare.

 

L’intonare quelle Parole, l’ascendere con forme graduali a qualche punto specifico e il canto di mantram allineano l’operatore a una determinata corrente di forza. È il modo di trovare la linea di minor resistenza per raggiungere una meta, per comunicare con una Intelligenza individuale, per controllare qualche vita involutiva e per mettersi in contatto e cooperare con qualche gruppo di deva.

 

Questa digressione può servire a riassumere ciò che è stato impartito ultimamente sulle forme mantriche o d’altro genere usate dallo studente di meditazione occulta.

 

 

 

 

 

 

 

<< CLICCARE QUI PER SAPERNE DI PIU' >>