Sei in: la grande invocazione > 2013


OTTANTANOVE

 

 

 

 

 

 

 

INVOCAZIONE

Introduzione

PARTE OTTANTANOVESIMA

 

Il vecchio mondo Mi stupisce. La comparsa delle macchie solari intensifica la discordia. Il vecchio mondo batte gli ultimi colpi d’ala, mentre i centri aperti sono in rivolta. Per ogni progresso dei centri occorre un tipo di epidermide che si forma col dolore. L’aria pura non può coesistere con l’azoto senza vita del vecchio mondo.

Chi accetterà l’aiuto della Guida? Chi ha lasciato alle spalle ogni pensiero di vita comoda. A chi dare le armi per combattere? A chi non diserterà il campo di battaglia.

La vita scorre veloce come una cascata, ma pochi si accorgono del suo movimento. Chi desidera il riposo considera l’esistenza come fosse una tomba. Cos’è il riposo? Questo concetto è un’invenzione degli oscuri. Che premura rivelano gli uomini quando parlano del riposo! Per loro, riposo significa ozio. Questo tipo di riposo è sempre una gioia terrena, ma la gioia del fannullone non fa per Noi. Quando mai la natura è inattiva? Come parte della natura, siamo soggetti alle stesse leggi. Non è sempre necessario andar di corsa. Ma non si può neppure scegliere una vita di clausura. Anche una pianta, benché radicata al suolo, vive in costante attività. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<< CLICCARE QUI PER SAPERNE DI PIU' >>