Sei in: news

 

 

 

 

UIONE MEDIATE IDENTIFICAZIONE CON IL TUTTO

Carlo Setzu

31

 

            L’allineamento è il primo passo verso la fusione e, più tardi, verso i misteri dell’identificazione, che comincia perché il discepolo riconosce una sfera sempre più ampia in cui poter servire con proposito e promuovere il Piano, una volta che riesce ad identificarsi con quella rivelazione. L’identificazione è comprensione, esperienza esoterica e assorbimento nel Tutto, a questo punto, essendo padrone di ciò che ha veduto e fatto proprio, cosciente di ciò che ha davanti e percependolo, egli si avvale dei propri diritti occulti per esprimere chiaramente le sue richieste.

 

            L’iniziato è la causa del processo evolutivo, e per mezzo di questo, perfeziona i suoi veicoli d'espressione, fino a diventare iniziato nei tre mondi della coscienza e nei tre dell’identificazione. Lo sviluppo procede, però secondo il tipo di raggio, tramite l’antahkarana che relaziona la triplice personalità con la Triade spirituale. Ognuno di questi tre aspetti inferiori ha la sua nota, e sono queste, che fa risuonare le tre richieste, le quali evocano la risposta della Triade Spirituale e raggiungono così la Monade nel suo elevato luogo d’attesa in Shamballa.

 

L’identificazione con l’aspetto Vita avviene per stadi:

 

  1. “Lo stadio del terreno ardente e dell’instaurazione di rapporti di gruppo illuminati. Ciò è rivelato dalla mente che funziona come un aspetto della mente di gruppo.
  2. Lo stadio di riconoscimento ashramico e l’instaurazione di un più rapido ritmo di gruppo.
  3. Lo stadio d’emissione del suono di gruppo e l’instaurazione del potere d’invocare la divinità, seguito dall’unita realizzazione di gruppo, che “Dio è Fuoco”.
  4. Lo stadio in cui s’estinguono i fuochi minori grazie alla presa di coscienza precedente, e l’instaurarsi di una definita reazione di gruppo al proposito o alla volontà divina, questa porta infine all’annullamento delle leggi del Karma e della Rinascita che condizionano la vita nei tre mondi.
  5. Lo stadio della percezione triadica e dell’instaurazione del contatto spirituale, che annulla così, sia la vita della forma sia quella dell’anima, e non s’intravede più nessuna dualità.
  6. Lo stadio dell’identificazione con l’aspetto Vita e dello stabilirsi di una completa integrazione divina nel più grande Tutto. Allora l’iniziato avanza entro la Vita e non nella coscienza (un concetto e una verità che voi in questo momento non potete comprendere).
  7. Lo stadio in cui il gruppo fa risuonare la Parola, e instaura un rapporto diretto con Shamballa, in quanto parte integrante della Gerarchia. Questo significa l’espressione di un duplice accordo.
  8. Lo stadio della risposta agli aspetti superiori delle Sette vite di Raggio, e dello stabilirsi di un contatto con i Tre e con l’Uno. Ciò è compiuto secondo la Legge dei Sette Supplementari.
  9. Lo stadio di negazione di ciò che è spirituale, com’è chiamato. Questo instaura un nuovo atteggiamento d’affermazione, e porta al riconoscimento della vera natura dell’iniziatore unico.
  10. Lo stadio della dissipazione dei veli, e dell’instaurazione del potere di lavorare con l’energia della luce, ottenendo così la ricompensa d’usare una nuova capacità, quella d’operare con l’aspetto coscienza di tutte le forme.
  11. Lo stadio in cui i poteri dell’aspetto morte del proposito divino possono essere usati per realizzare lo stesso proposito, a cui s’aggiunge l’instaurarsi di una completa identificazione (come gruppo) con la Volontà divina. Questo segna il periodo della Grande Rinuncia (quarta iniziazione), e prelude ad una completa uscita dalla quarta Gerarchia Creatrice, il regno umano”. 

 

 

 

 

 


Condividi/Salva/Aggiungi a preferiti