I DEVA
Carlo Setzu
Seconda Lezione

I deva del doppio eterico.

I deva del doppio eterico, rientrano in due gruppi. Essi sono i costruttori minori, che sotto la direzione dei costruttori maggiori formano i doppi eterici di tutto ciò che è visibile sul piano fisico denso:
  • Quelli del primo gruppo, formano grandi schiere e sono onnipresenti.
  • Raccolgono e modellano il materiale occorrente per formare i doppi eterici di qualsiasi cosa.
  • Lo fanno secondo certe leggi, e lavorano sotto certe restrizioni.
  • Sono chiamati, con terminologia occulta, “i deva che ascoltano”, perché sono quelli che colgono la nota e il tono particolari emessi dai trasmettitori del suono del piano fisico, che accorrono per riunire la sostanza d’ogni forma materiale futura, inoltre, si dice di loro che “hanno orecchie, ma non vedono”.
  • Lavorano in stretta collaborazione con gli elementali del corpo fisico denso.
  • Quelli del secondo gruppo, sono detti “gli elementali che vedono”, perché esistono nella materia dei tre sottopiani inferiori, e perciò, possono vedere sul piano oggettivo, nel senso occulto, che implica sempre l’analogia tra vista e conoscenza.
  • I “costruttori che ascoltano” riuniscono ilo materiale e lo modellano nella forma specifica.

Secondo il loro punto d’evoluzione, ve ne sono moltissima altri gruppi e alcuni possono essere elencati come segue:
I costruttori del veicolo umano. Questo è il gruppo più alto dei costruttori minori, che sono molto specializzati.
Il costrutto delle forme dei tre regni della natura nelle loro due suddivisioni:
Primo. I costruttori del regno minerale. Questi sono i lavoratori detti occultamente “gli alchimisti elementali”, sono in molti gruppi, connessi con i vari elementi – metalli, sostanze chimiche, minerali, e quelle sostanze che sono dette attive e radioattive. Essi sono i custodi di due segreti: quello della metallizzazione della Monade e il segreto della trasmutazione dei metalli.
Secondo. I costruttori del regno vegetale, formano molti gruppi e sono denominati “gli alchimisti di superficie” e “le unità colleganti”. Essi costruiscono i doppi di tutte le forme di vita vegetale e, con gli alchimisti del mondo minerale si occupa principalmente dell’azione del fuoco, così quest’altri lavoratori alchemici si occupano dell’azione liquida della manifestazione divina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *